Crea sito






TUTTE LE RECENSIONI DI QUESTA PAGINA SONO A CURA DI: @eleonoramazzitelli



 





O
  1. HOME PAGE 
    CHI SONO?
    I MIEI LIBRI
    LE MIE POESIE
    RECENSIONI ELEONORA
    1. AUTORI EMERGENTI
  2.          CINEMA E TV  
  3.           BLOG TOUR             
  4.           COVER REVEAL       
  5.                   
    1. RECENSIONI VALENTINA
    ANIME
                         MANGA 
                         LIBRI
    LE NOSTRE PAGINE SOCIAL
    ARTE, MUSICA E POESIA
    LIBRI CONSIGLIATI DA NOI
(255, 255, 255);">

BLOG TOUR: L'UOMO DEL FUOCO 

DOVE ERAVAMO RIMASTI?

🔥🔥🔥

🔥🔥🔥

📚📚📚

📚📚📚

☀️☀️☀️

☀️☀️☀️

🌙🌙🌙

🌙🌙🌙

💫✨💫✨💫✨

💫✨💫✨💫✨

💥💥💥

💥💥💥

🌪️🌪️🌪

🌪️🌪️🌪️

Libro di Sabrina Guaragno edito Nativi Digitali

Blog Tour: - Nemèria e i demoni del passato di Sara Cremini. -

Tappa Su Oggetti E Magie A Nemèria.

In questa tappa sono qui per presentarvi gli oggetti e le magie del mondo Nemèriano.
Premetto che Nemèria è un mondo magico e pieno di eventi spettacolari; i suoi abitanti appartengono a cinque razze quali maghi, streghe, nani, orchi, elfi. Ognuno di queste razze, in questo secondo libro detiene dei poteri magici singolari e li vedremo quindi compiere magie eccezionali.

I miei oggetti magici sono le audiochiglie e la Stanza Espansa. Ammetto poi che vorrei avere la Magia di Guarigione e Magia dell’invisibilità.

Ma andiamo per gradi, partiamo dagli oggetti magici e poi passiamo alle magie.



Oggetti magici presenti a Nemèria

Token: oggetto magico usato da Krasher.

Accendifuoco: oggetto che permette (al mago Luis) di accendere una fiamma o un falò

Corde Magiche: corde che permettono (a Magda) di legare Sgorbio e non farlo muovere. Servono a impedire magia e movimento alcuno.

Bacchile: bevanda rilassante con un buon sapore

Libro della Cattura: libro magico (di Luis) usato per imprigionare i demoni ma anche Krusher.

Oculolentingrandenti: lenti che servono per ingrandire gli oggetti.

Audiochiglie: oggetti che servono ai nostri personaggi per comunicare a distanza tra di loro e in tempo reale.

Edera della Sonnolenza: elemento magico che spinge chiunque ne sia colpito, umano o animale, in un sonno profondo. Si tratta di un ingrediente per formare il Mantello di Luce.

Pozione Rinforzante: pozione di Luis. Serve per dare più vigore alla persona che ne fa uso e a prolungare i suoi poteri. (Luis la vuole dare all’ippogrifo)

Pozione di Attivazione: pozione che serve (a Luis) per attivare e creare il Mantello di Luce.

Minichiglia: congegno usato dai protagonisti per comunicare più velocemente. Ogni Minichiglia è collegata con tutte le altre per rendere la conversazione più fluida e immediata in caso di attacco nemico.


Mantello di Luce: mantello magico usato per combattere il nemico dai protagonisti.

Lance indagatrici: lance che servono a perquisire le persone e mantenere alta la sicurezza delle città; sono usate dalle guardie dell’esercito.

Filo magico: filo che serve per cucire il Mantello di Luce e preservarvi una pervanza magica.

Autoago: ago che serve per cucire il Mantello di Luce e preservarvi una pervanza magica.


Forbici dal taglio magico: tipo di forbice che serve per cucire il Mantello di Luce e preservarvi una pervanza magica.


Pentolone Antiaderente: pentolone con particolari caratteristiche magiche e di ottima fattura; serve per compiere al meglio gli incantesimi.

Pergamene incise da antenati: manoscritti lasciati dagli antenati che possono rivelare il futuro del mondo di Nemèria.

Serpencorde: elementi magici che consentono ai nostri protagonisti di scalare le mura di palazzi o di scenderne in modo molto veloce.

Stanza Espansa: stanza che seppur presumibilmente piccola può contenere un grande paesaggio al suo interno, come anche molti animali. Può modificarsi all’occorrenza.

Sfera d’Invisibilità: sfera con la quale si può inglobare sé stessi ma anche altre persone o animali e rendersi invisibili

Anelli dei Custodi: anelli magici che consentono ai custodi della magia di amplificare i propri o poteri.

Scudo o Bolla di Protezione: scudo che ha la funzione di proteggere sé stessi e gli altri.

Lettura del futuro: caratteristica che permette di leggere il futuro.

Magie Del Mondo Nemèriano

Evocazione di antenati: tecnica magica che permette a determinate figure di invocare gli antenati. È fatta solo da particolari figure magiche.

Magia di Guarigione: magia che serve per guarire o rinvigorire dopo una situazione particolare di attacco o stanchezza. (viene usata ad esempio su Luis o su Anasawi)

Mostrare immagini nelle fiamme: magia particolare che hanno solo poche persone a Nemèria che consente appunto di mostrare ad altre persone immagini future nelle fiamme di un fuoco magico.

Mutacorpo: chi è in grado di assumere le sembianze di animali di varie dimensioni. (Anasawi)

Magia di Stordimento: potere usato (da Luis) per stordire e far cadere l’avversario in un sonno profondo.

Magia di disarmo e di blocco: potere usato per disarmare o bloccare l’avversario.

Magia del rimpicciolimento: potere usato (da Elias) per rendere piccoli oggetti o persone.

Magia di Costruzione: potere usato (da Luis, abile costruttore) per costruire e dar vita a oggetti magici.

Magia di Congelamento: potere (di Anasawi) usato per congelare oggetti, o spazi più o meno grandi.

Magia di Comando sulle menti degli animali: potere (di Gelawgi) che consente di comandare gli animali e/o richiamarli a sé.

Magia di Comando di acqua e fuoco: potere (di Myra) che consente di invocare acqua e fuoco a comando.

Magia d’Invisibilità: potere (di Leiala) che le consente di rendersi e rendere ciò che la circonda invisibile in qualsiasi circostanza.
Magia di modellamento degli oggetti per adattarli ai corpi: potere usato per adattare oggetti al proprio corpo. Ad es. Anasawi con il Mantello di Luce.
Magia dell’Attrazione: potere che consente (a Magda) di possedere cose e/o creature e di imporgli la sua volontà.
Magia della Famiglia: potere che consente di legare due componenti dello stesso nucleo familiare e di percepirne le emozioni e/o sensazioni. Es. Magda/Anasawi
Magia di Pietrificazione: potere usato (da Kiran) che consente di trasformare e pietrificare persone e/o creature magiche.
Magia della Dimenticanza: potere che ostacola un ricordo; esso crea un vuoto di memoria e non permette di ricordare eventi e/o persone. (es. Anasawi, Magda)
Magia di Avvelenamento: potere che permette di avvelenare qualcuno.
Magia di Levitazione: potere che consente (a Cinesiologi esperti) di far innalzare costruzioni e/o oggetti magici.
Magia di Distrazione: consente al mago o strega di distrarre l’avversario.

Le Cronache di Alaster: Drago - Blogtour

Cari lettori,

Buongiorno e benvenuti in un mondo fantastico fatto di fuoco, fiamme, amicizia, crescita, duelli, luoghi straordinari e magici e...DRAGHI!!!


https://m.youtube.com/watch?ab_channel=LeCronachediAlastervol1Drago&v=BeVr-OpHnMg

Booktrailer ALASTER youtube

Oggi, Lunedì 28 Settembre, inizierà un viaggio carico di avventura alla scoperta di Jordin, dove le Blogger partecipanti ci guideranno con entusiasmo per lande inesplorate, tortuosi labirinti, ed eventi epici, narrandoci i punti salienti di questo romanzo, che sicuramente ci stupiranno e faranno venir voglia di scoprire sempre di più di questo fantastico mondo.

L'evento ci terrà compagnia fino al 20 Novembre, e avrete tutto il tempo di innamorarvi di questa storia, di cui potete leggere tutte le tappe di seguito.

Quindi, non mi resta che augurarvi buona lettura, o meglio, buon viaggio! ;-)

Tenetevi forte, questo magnifico e mastodontico evento sta per prendere il volo!!


BT: Le cronache di Alaster

La figura di Marcel
La prima pagina de Le cronache di Alaster – Drago si apre con la figura di Marcel. Un mezz’uomo con la passione per l’archeologia, che si appresta a percorrere un viaggio e raggiungere un obiettivo, più per una questione affettiva che per diligenza.
Nel corso del libro il lettore lo impara a conoscere e scopre pian piano le sue sfaccettature. Primo fra tutti scopriamo che è un Duca ma che questa sua condizione sociale di certo non lo ferma e non gli vieta di seguire la sua passione.
All’interno delle pagine del libro troviamo un Marcel che cresce e che amplia ogni giorno di più le sue conoscenze: egli infatti prima è inesperto ma che poi grazie al sapere appreso sui libri impara a cavarsela in tutte le vicende spiacevoli che gli capitano nel percorso con Alaster e Myra, gli altri due personaggi principali delle Cronache di Alaster, insieme al nostro Marcel.

Vediamo come in molte occasioni il mezz’uomo vince le sue paure e si fa molto coraggio, sprezzante quasi del pericolo, rimanendo senza fiato e senza forze.
È un mezz’uomo comune per la sua razza ma dal cuore d’oro ed è proprio il suo intelletto e il suo cuore puro che lo rendono speciale.
Marcel quindi uno dei protagonisti del libro con cui il lettore si interfaccia fin da subito. Il suo incontro con Alaster è particolare, come lo è in seguito anche il loro incontro con Myra. (no spoiler)
Si tratta di un personaggio particolare che si lega subito a doppia mandata al cuore del lettore. Buono, spiritoso, pauroso: è il classico amico di tutti.
Ecco, amico è proprio la parola giusta per descriverlo. Nel corso del libro si dimostra sempre pronto a porgere l’altra guancia, a ponderare ogni parola e a non tirarsi mai indietro per Alaster e Myra. Li seguirebbe in capo al mondo.
A mio parere non è un personaggio casuale. A primo impatto sembra lui il protagonista del libro. Non è di certo un personaggio secondario o di poca importanza. Marcel è colui che guida Alaster nel suo viaggio interiore sorreggendolo e aiutandolo nei momenti di difficoltà; ma allo stesso tempo è proprio lui che trova le parole giuste durante i momenti di difficoltà o quelli più tristi. Si tratta di un personaggio comune ma che spicca per la sua personalità che per quanto sia è particolare.
Lo trovo un ottimo narratore e un eccellente espediente per guidare il lettore all’interno di questo libro.
Marcel, il mezz’uomo che tutti devono conoscere ma che troverete solo ed esclusivamente nel libro di Leonardo Tomer!

TAPPA BLOG TOUR – RECENSIONE – LE CRONACHE DI ALASTER - DRAGO di LEONARDO TOMER
SCHEDA TECNICA
Titolo: Le cronache di Alaster -  Drago 
Edito: Albatros.
Autrice: Leonardo Tomer
Genere: Fantasy
Pagine: 268
Capitoli: 14 + epilogo

RECENSIONE e OPINIONE
Il libro si apre con le vicende di Marcel, un mezz’uomo dall’intelletto straordinario che si prodiga a cercare l’Occhio del Drago.
Durante una vicenda poco piacevole incontra il mercenario Alaster, i due uomini stringono fin da subito un rapporto di amicizia che li conduce verso mille avventure.
È proprio nel mezzo del loro cammino e all’inizio della loro ricerca che incontrano e danno il loro sostegno alla maga Myra.
Ma il nemico incombe su di loro e sul loro popolo.
Cosa succederà?
-
Si tratta di un libro molto scorrevole, un fantasy eccezionale, che rimane impresso nella mente del lettore, anche se lo lascia con l’amaro in bocca.
Romanzo pieno di colpi di scena in cui amore, amicizia e sostegno reciproco si intersecano lasciando spazio anche a episodi divertenti e un pizzico romantici.
Ho apprezzato molto la figura di Alaster: un mercenario capace e sicuro di sé che non si lascia spaventare da niente e da nessuno.
Allo stesso tempo, mi è piaciuta molto la presenza di Marcel, così diverso da Alaster ma pur sempre amorevole e temerario.
Si può dire che i due sono le due facce di una stessa medaglia.
Myra è il collante che le tiene insieme: lei è proprio una donna forte e coraggiosa che si spinge oltre la sua confort zone per aiutare i suoi amici.
È stata una lettura molto piacevole. L’inizio turbolento del libro spiana la strada per un libro pieno di avventura.  Un insieme di emozioni e intrighi fanno si che sia un libro assolutamente da leggere.
Il crescere dei personaggi è evidente sin dalle prime parole del libro, la loro consapevolezza e il loro rapporto è straordinario. L’autore ha avuto la capacità di far conoscere e comprendere i protagonisti a piccoli passi, rendendo tutto molto più reale.
Nel libro troviamo poi altri concetti che mi hanno colpito molto. ci sono infatti dinamiche familiari e interpersonali particolari tra i tre protagonisti e chi gli sta vicino.
Il tutto però rimane molto fluido e piacevole; la scorrevolezza salta subito all’occhio e il romanzo viene subito apprezzato. Il linguaggio è altrettanto semplice e d’effetto.

Libro consigliatissimo!

Buongiorno cari lettori,


e benvenuti in questo magico evento, il blogtour del romanzo"Morgan e l'orologio senza tempo" , edito dalla Casa Editrice Albatros, che ci accompagnerà dal 1 di questo mese, fino al 27, facendoci conoscere un mondo nuovo e accattivante, dove vivere mille avventure con la piratessa Morgan e la sua nave, la Queen Morgan, appunto. 

GUARDA IL BOOKTRAILER
cliccando nell'immagine!

https://www.youtube.com/watch?v=e3TL0feJM40

Il libro, che si colloca nella narrativa fantasy, assume anche toni steampunk e pirateschi in un connubio effervescente e nuovo, perciò se siete appassionati di questi generi, non fatevi sfuggire le tappe di questo evento, che vi sorprenderanno e vi riveleranno tante curiosità e retroscena su questo romanzo.



Di seguito, il calendario con le varie tappe: 



Ed ecco a voi l'intervento di Eleonora Mazzitelli per questa prima tappa del booktour, 

che sicuramente sarà la prima di tante altre!

In bocca al lupo Eleonora!

 

BT Morgan e l’orologio senza tempo.

Oggi mi dedicherò con estremo piacere ad analizzare la figura di Morgan.

Si tratta del protagonista della storia, di questo libro pieno di pirati e navi che salpano alla volta dell’orizzonte.

Morgan. Nome particolare e ricercato pieno di sfaccettature e mille aspettative nei confronti del lettore.

La figura di Morgan è peculiare: a cominciare dal suo nome.

MORGANA.

 Sì, si chiama così. E la prontezza nello svelare questo particolare sin dalle prime pagine del libro fa capire la bravura dell’autrice e anche l’importanza dell’assenza di questa vocale alla fine del nome. In un mondo maschile, come quello descritto nel libro, è quasi impensabile che una donna sia un pirata, ma Morgan ci stupisce.

Ma Morgan ha mille volti all’interno del libro ma prima di tutto è una donna. Coraggiosa, leale, scaltra e senza manie ma anche caparbia, altrimenti non riuscirebbe a ricoprire il suo ruolo. Da donna vediamo e sentiamo le emozioni del personaggio: l’imbarazzo con John, la tenacia nei confronti dell’equipaggio ma soprattutto la paura e la solitudine, quella di una figlia, orfana.

Soffermandoci però ad analizzare il suo ruolo ci rendiamo conto di quanto lei sia forte. Ella ricopre il ruolo di comandante della Queen Morgan.  Il ruolo di pirata. Questo è il suo mestiere, la sua vocazione più grande. E quindi in lei fanno leva tutti le componenti di leadership e riesce a far da guida ad un gruppo, o più alle volte, di uomini, facendosi rispettare per la donna che è; tutti capiscono le sue capacità e la sua benevolenza.

Morgan è una figura lontana dalle principesse anche se ella stessa si rivela tale che riesce a condurre la sua vita senza il bisogno di un sostegno, di un aiuto, contando solo sulle sue forze e procurandosi anche il benvolere di molte sue seguaci donne. Una ragazza che si innamora ma che non lo dà a vedere, quasi a volersi tenere il suo John tutto per lei.

Piena di grinta e di spontanea fiducia in sé stessa infatti riesce sempre a raggiungere i suoi obiettivi.

Morgana prende per mano Niteora, la salva e si salva da sola dimostrando che la sua forza di volontà è un esempio e un sostegno per lei e per tutti i personaggi all’interno del libro. Morgana è una figura importante che mette in luce la forza della figura femminile, sempre. Anche quando si sente sola in una prigione. Anche quando viene rapida e si sente impaurita o sta per morire. Altre donne la aiutano e lei è pronta ad aiutarle.

Morgan è così: o la si ama o la si odia. Io la amo, la stimo, la ammiro per il suo carattere forte in un mondo e una vita difficile come la sua. La forza delle donne si vede anche in questo, nel loro modo di essere e di valorizzarsi a prescindere da un uomo.

Grazie Silvia, la tua Morgan è uno spettacolo.

Nelle foto,
ho voluto ricreare il mio modo unico e particolare di vedere Morgan: una donna,

una figlia ma soprattutto un pirata e un capitano che salpa sulla sua Queen verso l'orizzonte.





RECENSIONE FINALE BT MORGAN E L’OROLOGIO SENZA TEMPO

 

SCHEDA TECNICA

 

Titolo: Morgan e l’orologio senza tempo

Edito: Albatros.

Autrice: Silvia Roccuzzo

Genere: Fantasy

Pagine: 453

Capitoli: 17 + prologo/epilogo


 

RECENSIONE E OPINIONE

 

Morgan è il capitano di una nave, un pirata ma soprattutto una donna pronta all’avventura con l’aiuto della sua ciurma.

 Già dai primi capitoli il lettore la impara a conoscere, vedendola come a una ragazza piena di iniziativa e dal carattere tenace. Durante lo scorrere delle pagine l’autrice ce la presenta e ci racconta di lei incastrandola a pennello con il susseguirsi della vicenda e presentandoci anche tutti i personaggi che troveremo poi all’interno del libro. Prima di tutto, dopo aver conosciuto lei, conosciamo Juan, suo fedele aiutante e caro amico. I due hanno già vissuto mille avventure insieme e si apprestano a viverne altre. Allo stesso modo conosciamo John. E il lettore lo adora. Lui è l’unico e il solo a poterla chiamare Morgana. Si può dire che loro tre sono i personaggi cardine del romanzo e che formano una triade mozzafiato e sconvolgente, andandosi a supportare e a completare allo stesso tempo.

Passando alla storia vera e propria possiamo dire che le loro vicende iniziano solo dopo una triste avventura in mare. Si ritrovano con la Queen Morgan a pezzi, e proprio qui Morgan e la sua ciurma iniziano a vivere l’avventura vera e propria sulla terra ferma e non solo. Morgan si conoscerà nel profondo, scoprendo molte cose sul suo passato, sulla sua famiglia e su sua madre.

Morgan aiuterà molte persone durante il suo cammino senza mai tirarsi indietro dimostrandosi sempre pronta e coraggiosa. Scoprirà di avere un passato intricato ma di avere anche molte persone che le voglio bene.

Si innamorerà, avrà paura, si caccerà in un mare di guai. Addirittura, si ritroverà ad essere una principessa. Ma tutto questo la aiuterà a crescere, a maturare e a scegliere sempre e comunque la sua Queen.

Ne uscirà vincitrice? Che ne sarà di lei?

Parlando del libro si può dire come la struttura sia ben delineata, niente è lasciato al caso. Lo scorrere lento delle pagine riesce a far appassionare il lettore che si ritrova immerso in tutto e per tutto nella storia di Morgan. La bravura dell’autrice si vede dal fatto di essere riuscita a tessere una tela fatta di tanti e piccoli indizi che portano ad un unico fine. (che non svelerò). Il primo indizio è l’orologio. È un romanzo ma anche un cammino interiore per Morgan che capitolo dopo capitolo si conosce, capisce la sua storia e non molla mai.

Il capitano della Queen Morgan è sempre pronta e non si lascia mai scoraggiare dalle avversità.

Fantasy da 5 stelle, lento ma che ha il suo perché; non lasciatevi spaventare dalla mole di pagine, ne vale la pena.